Respirart Day 2019, meeting artistico per il 10° anno di Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO

Sabato 27 luglio 2019, alle 9.30, il Parco d’Arte RespirArt di Pampeago invita a passeggiare, in compagnia degli artisti e dalla giornalista Maria Concetta Mattei, fra 5 nuove opere d’arte ambientale ispirate alle foreste di abeti della Val di Fiemme, al gruppo dolomitico Latemar e al geologo Dolomieu.

Amano la natura tanto da cercare di eguagliarne la bellezza. Amano la natura tanto da intrecciare con lei dialoghi artistici. Amano la natura così intensamente da lasciare che sia lei a decidere la durata di ciò che stanno creando. Sono gli artisti di fama internazionale e gli studenti delle accademie d’arte europee che ogni estate creano opere nel Parco d’arte RespirArt di Pampeago, in Val di Fiemme, fra le Dolomiti del Trentino.

Sabato 27 luglio, alle 9.30, la festa itinerante RespirArt Day presenta le cinque nuove opere create durante 11a Manifestazione d’arte ambientale RespirArt curata da Beatrice Calamari e Marco Nones.

L’evento si svolge fra i pascoli fioriti di Pampeago, camminando lungo un sentiero ad anello di 3 chilometri che collega il Rifugio Monte Agnello, a quota 2.200 m., e lo Chalet Caserina, a quota 2.000 m., al cospetto del gruppo dolomitico del Latemar.

GESTI D’ARTE FIRMATI UNESCO

Il RespirArt Day 2019 è inserito nel calendario degli eventi che festeggiano i 10 anni di Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO. La Manifestazione è resa possibile grazie al sostegno della società Itap Pampeago, della Provincia Autonoma di Trento, della Magnifica Comunità di Fiemme e degli Hotel della Val di Fiemme amici del parco RespirArt, in collaborazione con la Fondazione Dolomiti Unesco, ApT Val di Fiemme, Trentino Marketing e Magnifica Comunità di Fiemme.

Presenta il RespirArt Day Maria Concetta Mattei, giornalista e conduttrice del TG2 Storie.

PRENOTATEVI

Si parte alle 9.30 dal Rifugio Monte Agnello, all’arrivo della seggiovia Agnello di Pampeago. Il RespirArt Day è aperto a tutti ed è gratuito se si prenota alla e-mail respirartgallery@gmail.com o al numero mobile 335 1001938.

GLI ARTISTI DI RESPIRART 2019

L’edizione 2019 ospita l’artista svedese Hannah Streefkerk, apprezzata dalla critica per i suoi ricami di licheni adagiati sugli alberi, e l’artista pluripremiato per le sue opere di ceramica dedicate alle api Stanisław Brach, che lavora al fianco dei suoi allievi dell’Accademia d’arte di Varsavia Artem Dmytrenko e Filip Musiał .

Hannah Streefkerk e Stanisław Brach

symbiosis

Fra gli esponenti d’arte ambientale è presente il Gruppo Terrae, formato da Giuseppe Dondi, Alberto Larcher, Roberto Rossi e Fabio Seppi. Questo team di artisti trentini propone un’installazione di abeti dedicata alla rinascita delle foreste abbattute dalla tempesta Vaia dello il 29 ottobre 2018.

TERRAE Giuseppe Dondi, Alberto Larcher, Roberto Rossi e Fabio Seppi RESPIRART 2019

Gruppo TERRAE

ok DSC_3825

Una macchia di bosco abbattuto dalla tempesta Vaia nell’ottobre 2018 – foto Maurizio Tomè

È ospite della manifestazione d’arte anche l’artista di Riva del Garda Giovanni Bailoni che dedica un’opera al geologo e mineralista Déodat de Dolomieu (da cui è nato il nome Dolomia), in occasione del festeggiamento dei primi dieci anni di Dolomiti UNESCO.

Giovanni Bailoni

Inoltre, realizza il sogno di creare la sua prima d’opera d’arte ambientale la studentessa dell’Accademia di Belle Arti di Venezia Martina Pomari. La sua installazione invita l’uomo a guardare con gli occhi dell’albero.

Tesi Martina Pomari foto Nicole Delugan
Da sx Marco Nones Beatrice Calamari Martina Pomari e Maria Concetta Mattei RESPIRART 2017 predazzoblog-050.jpg

Da sinistra: Marco Nones, Beatrice Calamari,

Martina Pomari e Maria Concetta Mattei  – foto Predazzoblog

Molte opere di questo parco, in continua trasformazione, sono visibili anche durante l’inverno dalla pista da sci Agnello di Pampeago. Le opere di RespirArt sono affidate alla natura. Il sole, il vento, la pioggia e la neve mutano i loro colori, levigandone i contorni. Qualche installazione torna in breve tempo alla terra, qualcuna resiste alle intemperie d’alta quota per diversi anni.

Per i visitatori è l’occasione di godersi le emozioni che scatenano gli elementi naturali. E di meditare sul possesso, sul desiderio di permanenza, sull’istinto umano di opporsi ai cambiamenti.

INFO: respirartgallery@gmail.comwww.respirart.comhttp://www.latemar.it

respirart 2017 predazzoblog-084
Annunci